Sostieni Skylive!

Sostieni il progetto Skylive

 SKYLIVE COMMUNITY!

Username


Password


Accedi 


Visitatori on line

Accadde Oggi - Questa pagina

10 Giugno 2003 Il lancio della navicella Spirit ad opera della NASA segna l'inizio del Mars Exploration Rover.

è una missione della NASA su Marte...

"Spirit" e "Opportunity" sono i nomi dei due robot semoventi giunti nel 2004 su Marte; in realtà, la missione ha anche altri componenti, che sono stati via via "persi" (in modo programmato, non per errore) nel corso dell'evolversi della missione, dal lancio fino all'arrivo su Marte. Il vettore è la parte che si è "persa" per prima; quello che resta è la navicella (spacecraft).Verso la fine di giugno 2007, una serie di tempeste di sabbia ha iniziato a riempire l'atmosfera marziana di polvere. Le tempeste si sono intensificate e il 20 luglio entrambi i rover (Spirit e Opportunity) hanno dovuto fronteggiare la possibilità di una perdita di potenza. I responsabili della NASA hanno comunicato che stavano "facendo il tifo per la sopravvivenza dei rover, ma essi non sono stati progettati per queste condizioni così intense". Il problema principale era rappresentato dalla drastica riduzione dell'energia.

Normalmente i pannelli solari sono in grado di generare circa 700 watt/h di energia al giorno e se si scende a valori inferiori a 150 watt/h le sonde iniziano ad attingere energia dalle batterie. Se le batterie si esauriscono, i componenti elettronici principali sono soggetti ad avarie a causa del freddo intenso.

Durante la settimana del 14 luglio, Spirit ha affrontato la prima tempesta di sabbia della stagione, che ha oscurato il cielo. Il rover, in modalità di risparmio energetico, ha continuato a studiare un gruppo di frammenti rocciosi chiamati "Innocent Bystander". Si pensa che essi si siano formati attraverso un cosiddetto "hot spring", una frattura della crosta che emette vapori e gas vulcanici. Questo fenomeno rimuove lo strato di roccia presente e lo sostituisce con rocce ricche di silicio. Il rover ha quindi ripreso varie immagini e compiuto molte misurazioni.

Durante la tempesta di sabbia i tecnici hanno registrato vari dati, tra cui la misurazione di opacità atmosferica, indicata con Tau. Verso la fine di agosto le tempeste si sono placate, lasciando tuttavia degli strati di polvere sui pannelli solari e costringendo il rover a minimizzare i consumi delle batterie. Spirit è rimasto per settimane nei pressi della "Innocent Bystander", ultimando le analisi della roccia.

Ad agosto/settembre 2007 le tempeste si sono attenuate ed entrambi i rover hanno iniziato a ricaricare le proprie batterie.Nel 2011 fallito il tentativo di liberare il rover dal terreno sabbioso in cui era rimasto bloccato, il team ha deciso di fermare Spirit e di renderlo un laboratorio di ricerca stazionario.Il rover Spirit è stato parcheggiato in un cratere chiamato Troy ed è stato opportunamente posizionato per l'inverno. I suoi pannelli solari sono stati regolati in modo da poter catturare la maggiore quantità di sole possibile nell'inverno marziano. Nel Sol 2170 (9 febbraio 2010), la produzione di corrente elettrica generata dai suoi pannelli solari è stata di 185 Wh.Il 30 marzo 2010 il rover non ha trasmesso alla Terra una comunicazione di routine: inizialmente si pensava che il rover fosse entrato anticipatamente in regime di risparmio energetico per superare l'inverno marziano, ma nei mesi successivi non si è più riuscito a comunicare con la sonda. L'ultimo contatto correttamente avvenuto risale al 22 marzo 2010.

Nonostante il team sia rimasto in attesa di segnali dalla sonda, il 25 maggio 2011, non essendo stato possibile ricontattare il rover nel corso di oltre 1200 trasmissioni di comandi di recupero, la missione è stata dichiarata ufficialmente conclusa, dopo migliaia di foto inviate a terra, decine di luoghi diversi esplorati ed oltre 7730 metri percorsi (ad una velocità di pochi centimetri al secondo).

by Regolo